Dopo 5 anni di attesa arriva il riscatto. 7 a 6, il punteggio che denota la grande combattività del match, deciso nell’ultimo quarto della partita, seppur con un continuo cambio di giochi che ha mantenuto alta la tensione agonistica, nel rispetto di regole e ruoli. In quel di Bienate il derby ha regalato grandi emozioni, domenica, a tribune straripanti gli Skorpions sconfiggono i Blues Storms, violando il loro territorio. Una prima parte del match condotto dagli Scorpioni seguiti da una serie di turnover di gioco, dettati da una anomala inefficacia dei comparti dell’attacco, di ambo le squadre e parecchie opportunità per le compagini non capitalizzate.  La difesa di ferro degli Skorpions non concede nulla agli avversari. I giochi per i Blues si interrompono dopo il magistrale intercetto di Federico Zanetta in prossimità dell’end zone, congelando il risultato e consegnando la vittoria agli Scorpioni. Grandi prestazioni da parte di Stefano Granelli cuore pulsante del team, artefice del TD su corsa e della trasformazione su calcio da un punto, grande motivatore e impegnato nella gestione di alcuni ambiti per le giovanili. Eletto MVP da George Contreras, il californiano, head coach, che si emoziona. In affanno di ruoli per l’attacco, dopo infortuni e riposizionamenti, risultano proficui e ben figurano, alcuni cambi di mansione a ricoprire ruoli non propri come per Cristian Bianchi ed Emanuele Mascelli che vestiranno la maglia dei runninback, Giacomo Micheli, quella di quarterback.

Toccante l’abbraccio sentito agli ex compagni di squadra di Pietro Limido passato sotto la maglia dei Blues, così come i saluti di coda nel segno della sportività più affettuosa .

 È una squadra giovane – tiene a precisare Giorgio Nardi general manager – la media è di 20 anni, siamo la squadra con l’età più bassa di tutto il campionato, fieri di questo perché le nostre risorse sono rivolte ai giovani. 

Esibiti i quattro giovanissimi, sono i “moschettieri” scelti dalla nazionaleManuel Bulgheroni, Stefano Lusuriello, Pietro Migliori Matteo Mozzanica, che ricevono i complimenti dal coach, Riccardo Robecchi: “Complimenti, sentiti agli U19, hanno calcato con onore il palcoscenico dei grandi”. 

Hanno conquistato yard dopo yard con il cuore battagliero, degni per un degno avversario. 

La seconda di campionato, vedrà scendere sul campo di Vedano Olona i Rhinos Milano, che hanno avuto modo di inviare gli osservatori e studiare i giochi. Sarà dura, ma ci crediamo – conclude Nardi.

Sabato al campo di Vedano Olona ( VA) via Volta, il Kik- off alle 18.30. Ingresso gratuito .

Foto e video di @rossotibet di Amanda Deni, materiale soggetto a copyright condividere con credito

Write A Comment