La mia tavola di Natale e di Santo Stefano curata nel dettaglio, per i miei familiari. Rivisitata , senza regole se non quella di emozionarmi .

Oro, verde, bianco e tanta fantasia

 Mise en place vintage, con bicchieri mixati. Scelta voluta o necessità? Un mix di condizioni, in realtà. Accade troppo spesso di avere i bicchieri a calice  spaiati e diventa un peccato non poterli utilizzare, quindi  via libera alla fantasia e agli abbinamenti ricercati.

 


 

 

I piatti sono quelli della mia nonna numerati e profilati in oro zecchino, disposti sul tavolo “all’antica”.

Indecisa sulle tovaglie ne ho posizionate  due: il lino bianco come base, si evidenzia alle estremità e quella in oro e avorio disposta sopra. 

I capotavola liberi, non usa più apparecchiare lì (avendo lo spazio per poterlo fare).

 

 

Ho disposto le posate in argento in modo non convenzionale, con un effetto semplicemente gradevole.

Il centro tavola l’ho creato con i rami residui delle ghirlande  per l’esterno della casa.

I rami verdi li ho adagiati direttamente sul tavolo percorrendo tutta la tavola in senso longitudinale,  creando un cuore centrale della ghirlanda dove ho inserito sfere di vetro trasparente in contrasto alle altre color oro. Ho poi aggiunto i vari elementi disponendoli in dissolvenza verso le estremità del tavolo. Ho usato varie qualità di abeti: Pino Nobils argento, Pino domestico, rami di Tuia dalle estremità giallo-avorio, con effetto ottico simil oro, colore must del mio Natale. Ho aggiunto pigne di varie dimensioni, raccolte nella scorsa stagione e le ho disseminate sulla lunghezza del verde.  Ho disposto qua e là dei  fiori di stella di Natale bianca, qualità Princettia  (di Esselunga). L’ho spulciata poverina! Ho dato degli accenti di luce al verde, con fiori sintetici avorio e bianchi. Ho posto delle  candele (di IKEA) in  vecchi candelabri d’argento e su piattini mimetizzati nel verde. Ultimo tocco: un filo di rame con le lucine di Natale (lucciole a batteria di Carrefour) che percorre la ghirlanda centrotavola.

 

8 Comments

  1. Cara Amanda, hai preparato una tavola veramente splendida proprio come piace a me!!!
    Spazio alla creatività e alla fantasia!!!
    Complimenti!!!

  2. paolo lusuriello Reply

    Bravissima Amanda, risultato eccellente, con la classe che ti contraddistingue sempre.

Reply To Deborah Cancel Reply